Preloader Close
ATTENZIONE! L'INVENTOR SHOW 2019 SI E' TENUTO A PADOVA DAL 6 AL 9 GIUGNO. PER INFORMAZIONI SU COME PARTECIPARE ALLA PROSSIMA EDIZIONE CONTATTATE L'INCARICATO RINO SEBASTIANI Tel. 0587 734105 - E-MAIL: info@studiocelsus.com
ATTREZZATURE SANITARIE

Reografia longitudinale dell’aorta toracica

Piastra (Più piccola A) Terzo superiore a livello della seconda articolazione sterno-costale

Come gli operatori del settore ben sanno la reografia è una particolare metodica basata sulla misurazione della conducibilità locale (a impedenza). L"innovativo Reografo, progettato dal Dottor Giorgio Kontopulos, è fornito di due piastre di rame. Per lo studio del tratto ascendente e dell’arco aortico, la piastra (A) più piccola viene posizionata a livello della seconda articolazione sterno-costale, la piastra (B) più grande in sede interscapolare. Per l’aorta discendente le piastre A e B vengono posizionate anteriormente e posteriormente più in basso: nel terzo medio anteriormente (A) e posteriormente (B), nel terzo inferiore sia la A che la B 3-4 cm sopra il diaframma. Le due piastre vanno collegate al Reografo tramite due cavi elettrici (D, E). I tracciati del terzo superiore, medio e inferiore presentano notevoli differenze morfologiche; comunque, perché si possano considerare normali le onde reografiche devono avere una normale ampiezza e sul versante discendente deve essere disegnato il caratteristico dicrotismo in ambedue i tracciati di cui le differenze morfologiche sono riferibili al maggiore o minore scorrimento del flusso sanguigno. La spiegazione consiste nel fatto che, la spinta che riceve il flusso arterioso dell’aorta ascendente e dell’arco aortico da parte del ventricolo sinistro in seguito ad ogni gittata sistolica, nonché il ruolo che giocano i riflessi pressori (i barorecettori e chemiorecettori), le influenze regolatrici umorali di natura ormonale e la forza di contrazione del ventricolo sinistro, rendono la pressione arteriosa che vige nell’aorta superiore maggiore rispetto all’aorta discendente che non è pulsatile, il suo flusso è continuo e risente della forza di gravità: ha importanza la dilatazione dell’arco aortico e il ritorno alla normalità. La particolare metodica Reografica è basata sulla misurazione della conducibilità elettrica locale e costituisce il mezzo incruento utile e innovativo anche per l’aorta toracica in tutta la sua estensione, a livello superiore, medio e inferiore al fine di stabilire se il flusso ematico dell’aorta toracica è normale oppure, ostacolato da varie patologie che colpiscono la principale arteria dell’organismo. Le patologie alquanto numerose, che si localizzano prevalentemente nella parte superiore dell’aorta, alcune delle più importanti sono: le malattie congenite del cuore e dei vasi arteriosi, la dissecazione, la coartazione (congenita), i vizi vascolari, l’arteriosclerosi, la sindrome dell’arco aortico, l’aortite, l’insufficienza miocardia, la cardiomiopatia ostruttiva ipertrofica, la stenosi aortica sottovalvolare e così via. In base alle anomalie del tracciato Reografico, la sintomatologia soggettiva e i riscontri oggettivi, si può ricorrere anche ad altri esami strumentali secondo l’orientamento diagnostico del medico specialista. Dall’esame Reografico è possibile che alcuni territori dell’aorta toracica conservino un certo modulo elastico e altri territori siano decisamente sclerotici oppure, siano colpiti da patologie piuttosto gravi; ciò spiega l’aumento o la diminuzione della pressione nei vari settori dell’aorta toracica. Se siete quindi interessati a questo ingegnoso apparecchio diagnostico e desiderate ricevere informazioni più dettagliate contattateci ai nostri recapiti telefonici indicati a fine pagina oppure scriveteci utilizzando l’apposito MODULO ELETTRONICO. L’inventore, come dimostrano le immagini, ha approntato dei prototipi regolarmente funzionanti da mostrare a eventuali ditte acquirenti che potranno così testarne le eccezionali potenzialità. Ai navigatori ricordiamo infine che tutte le invenzioni pubblicate in questo sito sono brevettate. Qualsiasi plagio parziale o totale degli oggetti o cose riprodotte nelle foto o nei disegni, verrà perseguito a norma di legge sia in Italia che in tutti gli stati esteri. Il testo è invece tutelato dal copyright che ne vieta la totale o parziale riproduzione.

  • Share This Post

 

 

Per offrirti il miglior servizio possibile Europa Creativa utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.  -  normativa su privacy e Cookie  -  Autorizzo