ATTENZIONE! Il 27° INVENTOR SHOW SI E' TENUTO A PADOVA DAL 13 AL 21 MAGGIO. PER INFORMAZIONI SU COME PARTECIPARE ALLA PROSSIMA EDIZIONE CONTATTATE L'INCARICATO RINO SEBASTIANI Tel. 0587 734105 - E-MAIL: info@studiocelsus.com
Titolo I
Disposizioni generali

Art. 1
E' costituita un'associazione di creativi denominata EUROPA CREATIVA con sede in 56038 Ponsacco PI), Via Cesare Battisti n. 1 - Tel - Fax. 0587 734105, E-mail. info@studiocelsus.com.

E' una libera associazione di fatto, apartitica, apolitica e senza fine di lucro, con durata illimitata nel tempo, regolata a norma dal Titolo I Cap. III, art. 38 e segg. del codice civile, nonché dal presente statuto. E' aperta a tutti coloro che credono nell'innovazione e nel ruolo che la ricerca, la scienza, la tecnologia, l'invenzione, la pittura, la scultura, l'arte, la musica, il cinema, la letteratura, il design, ed ogni altra manifestazione della creatività e dell'ingegno, esercitano ai fini del progresso e dello sviluppo della personalità umana nei suoi valori più profondi.


Art. 2
Scopo dell'Associazione

L'associazione si propone di promuovere in Italia e all'estero lo sviluppo di idee nuove e di favorire lo scambio di vedute e di proposte tra autori, inventori, artisti di ogni genere ed imprese interessate ad investire in nuovi brevetti, software, tecnologia innovativa e tra tutti coloro che credono nell'ingegno e nella creatività, nonché di favorire la conoscenza delle nuove tecnologie: Internet, Computer, Programmi, organizzando concorsi, seminari, corsi ecc. gratuitamente per i propri iscritti. A tal fine l'associazione si propone in particolare di:


1. Creare, per ogni diversa disciplina, un "Albo Nazionale" al quale potranno iscriversi coloro che mettono a frutto la propria creatività in un certo settore affinché, anche le arti, diventino vere e proprie professioni, riconoscendone i meriti e le iniziative. Così potrà essere costituito un Albo per gli inventori, un Albo per gli artisti, per gli autori multimediali e non, per i web master e così via.


2. Creare occasioni di incontro, reali o telematiche, per tutti coloro che mettono a frutto la propria creatività in un certo settore in modo che possano scambiarsi idee ed esperienze, oltre che collaborare per il raggiungimento di obiettivi comuni.


3. Realizzare delle vetrine, reali o virtuali, all'interno delle quali potere presentare i vostri lavori creativi, le opere reali o multimediali, le proprie invenzioni, programmi innovativi per il computer o Internet, il risultato delle ricerche svolte in un certo settore.


4. Organizzare fiere per Inventori, Artisti, Programmatori. Promuovere incontri, seminari, corsi per computer, esposizioni artistiche a partecipazione gratuita per gli associati, anche in collaborazione con altre associazioni, enti o imprese allo scopo di favorire le possibilità di promozione delle invenzioni e delle altre opere.


5. Mantenere informati gli inventori su concorsi, opportunità, appuntamenti riguardanti il settore delle invenzioni.


6. Realizzare pubblicazioni, cartacee o telematiche, per diffondere il proprio pensiero, il risultato della proprie ricerche, e fornire informazioni sugli appuntamenti nei diversi settori.


7. Organizzare corsi di Pittura, Scultura, Musica, Computer, Internet e quanto altro possa essere utile apprendere per sviluppare in maniera ottimale la propria conoscenza e creatività.

8. Permettere a tutti gli associati la registrazione e il mantenimento in rete dei siti Internet al miglior prezzo possibile pagando una tessera speciale (anche cumulabile) denominata: "SOCIO INTERNET".


9. Allestire siti Internet, registrati a nome dell'associazione e liberamente consultabili, che sviluppano tutte le tematiche della creatività, del diritto industriale e d'autore oltre che pubblicitari o di altra natura. Eventuali introiti, prodotti da tali domini, andranno a far parte del patrimonio dell'associazione.


L'associazione intende inoltre favorire la produzione di oggetti brevettati, software, ecc. e quindi aiutare in ogni modo gli inventori, gli autori, gli artisti che decidono di produrre i propri trovati. L'associazione fornirà altresì tutto l'appoggio necessario a quelli che vorranno investire sui brevetti, software, opere d'arte degli associati.

A tal fine l'associazione si propone di:


1. Fornire ad ogni associato una tessera personale con la quale potersi rivolgere a studi consociati ed usufruire di un trattamento agevolato per consulenze e pratiche di brevetti, finanziamenti, avviamento d'impresa, realizzazione prototipi, consulenza per cause di contraffazione, consulenze e pratiche legali ecc.;

2. Stimolare occasioni di incontro e di comunicazione tra gli associati per favorire la vendita delle opere, dei software, dei prodotti brevettati entrati in commercio;

Per servizi speciali resi dall'associazione a favore di un socio (mailing, gestione telefonate, inserzioni su Internet, contatti diretti, corsi specifici, predisposizione della documentazione di brevetti e marchi ecc.) e dietro sua richiesta, lo stesso dovrà corrispondere un rimborso spese non documentato stabilito di volta in volta in relazione al tipo di servizio richiesto e pari ai costi di diretta imputazione. La durata dell'associazione viene stabilita a tempo indeterminato.


Art. 3
Collaborazioni

L'associazione potrà dare la sua collaborazione ad altri enti per lo sviluppo di iniziative che si inquadrino nei suoi fini. Essa dovrà tuttavia mantenere sempre la più completa indipendenza nei confronti degli organi di governo, delle aziende pubbliche e private, delle organizzazioni sindacali.


Titolo II 

I Soci
Art. 4

L'Associazione è aperta a tutti coloro che, interessati alla realizzazione delle finalità istituzionali, ne condividono lo spirito e gli ideali.


Possono far parte dell'associazione le persone fisiche e le persone giuridiche che per la loro attività di lavoro o di studio siano interessate all'attività dell'associazione stessa o che ne condividono lo spirito e gli ideali.


I soci fondatori non sono tenuti al pagamento della quota annuale.


Gli associati sono tenuti al pagamento di una quota annua non inferiore al minimo il cui importo è fissato annualmente dal Consiglio direttivo. Il pagamento della quota vale per l'anno di iscrizione a decorrere dal giorno e dal mese in cui viene versata.


Persone di particolare rilievo per i compiti dell'associazione possono essere ammessi a far parte dell'associazione come soci onorari, senza che versino alcuna quota di iscrizione, dietro delibera del Consiglio direttivo.


Chi ne ha i requisiti può associarsi facendone domanda al Consiglio direttivo che valuterà la sussistenza dei requisiti richiesti.


L'associato cessa di appartenere all'associazione qualora:


1. sia inadempiente agli obblighi assunti con il presente statuto;

2. abbia svolto attività contrastanti con i fini dell'associazione;

3. non sia in regola con il pagamento della quota annuale.


Chi intende disdire la propria qualità di associato può farlo tramite invio di lettera raccomandata all'associazione, ma in alcun caso avrà diritto di chiedere la restituzione della quota annuale, ne potrà mai chiedere la liquidazione del fondo comune.


Tutti i soci sono tenuti a rispettare le norme del presente statuto e dell'eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti. In caso di comportamento difforme, che rechi pregiudizio agli scopi o al patrimonio dell'associazione, il Consiglio direttivo dovrà intervenire ed a seconda della gravità del caso procedere con il richiamo, la diffida o l'espulsione del socio dall'Associazione.


La quota e la qualità di socio sono intrasmissibili.


Art. 5
Gli organi

Gli organi dell'associazione sono:


1 l'Assemblea dei soci;

2 il Consiglio direttivo;

3 la Presidenza.


Tutte le cariche elettive sono gratuite. Ai soci compete solo il rimborso delle spese varie regolarmente documentate.


Art. 6
L'Assemblea

L'Assemblea dei soci è il momento fondamentale di confronto, atto ad assicurare una corretta gestione dell'Associazione.


L'assemblea generale dei soci viene convocata in seduta ordinaria almeno una volta all'anno ed in seduta straordinaria ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno o venga richiesta da almeno 1/10 degli associati.


Le assemblee, salvo comunicazione contraria, verranno convocate e si svolgeranno per posta o telematicamente, attraverso l'invio di una lettera o di un messaggio E-mail agli iscritti con la formulazione dell'ordine del giorno e dei temi su cui occorre votare. I voti verranno ricevuti con le stesse modalità. Nelle votazioni dell'Assemblea vale la regola del "silenzio-assenso" per cui si intenderanno voti favorevoli o accettazioni le mancate risposte o repliche ai quesiti formulati e agli ordini del giorno.


All'assemblea hanno diritto di partecipare tutti i soci in regola con il pagamento della quota annuale almeno nel suo minimo ammontare e tra questi tutti coloro che hanno compiuto la maggiore età hanno diritto di voto in tutte le delibere dell'Assemblea ed in particolare in quelle relative all'approvazione e alle modifiche dello Statuto e dei Regolamenti, relative alla nomina degli organi direttivi ed all'approvazione del bilancio.


Il diritto di voto non è escluso neppure in caso di partecipazione temporanea alla vita associativa.


Gli organi direttivi sono liberamente eleggibili ed ogni socio ha diritto di esprimere uno ed un solo voto, indipendentemente dai contributi, anche superiori rispetto al minimo ammontare della quota, che abbia versati.


Art. 7
Delibera dell'Assemblea

L'assemblea delibera a maggioranza di voti dei soci partecipanti maggiori di età. Si intenderanno partecipanti coloro che siano intervenuti personalmente o ai quali sia stata inviata la comunicazione in uno dei modi sopra indicati. Si computeranno i voti e le opinioni pervenute, mentre le risposte non giunte nel tempo previsto si considereranno voti positivi come sopra specificato.


Art. 8
Compiti dell'Assemblea

Di ogni assemblea viene redatto un verbale da parte del Presidente allegando ad esso la comunicazione inviata e le comunicazioni ricevute. Qualora, eccezionalmente, l'assemblea si svolga con la partecipazione fisica degli associati, nel verbale verrà riportata notizia di quanto accaduto nella riunione e sarà controfirmato da almeno 1/10 degli intervenuti.


L'assemblea discute le relazioni del Consiglio, delibera su ogni eventuale argomento di interesse generale ed approva ogni anno il bilancio.

Ogni 5 anni l'assemblea si riunisce anche per eleggere il Consiglio direttivo.


Art. 9
Approvazione del Bilancio

E' fatto obbligo all'Associazione di redigere e approvare annualmente il bilancio, comprendente le voci relative alle entrate e alle uscite dell'associazione come risultanti dalle ricevute emesse e dalle fatture o da altri documenti di spesa equivalenti.


L'anno finanziario inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. Il consiglio direttivo deve redigere il bilancio consuntivo che deve essere discusso ed approvato dall'Assemblea ordinaria ogni anno entro il mese di aprile. Esso deve essere depositato presso la sede dell'Associazione entro i 15 giorni precedenti la seduta per essere consultato da ogni associato.


Art. 10
Il Consiglio

Il Consiglio direttivo è composto da tre membri nominati la prima volta dai soci Fondatori e poi dall'Assemblea di tutti i soci che saranno iscritti all'associazione. Esso dura in carica cinque anni dopo di che può essere rieletto.


In caso di morte o di dimissioni di consiglieri prima della scadenza del mandato, il consiglio direttivo provvederà alla loro sostituzione per cooptazione. I consiglieri così eletti rimangono in carica sino alla successiva assemblea ordinaria. Qualora per qualsiasi motivo il numero dei consiglieri si riduca a meno di due terzi, l'intero consiglio direttivo è considerato decaduto e deve essere rinnovato. La carica di consigliere è gratuita.


Il Consiglio provvede a:

Fissare le direttive per l'attuazione dei compiti statutari e stabilirne le modalità di esecuzione

2. Deliberare sull'ammissione dei soci;


Deliberare il bilancio consuntivo ed eventualmente quello preventivo.

Il Consiglio elegge al suo interno un Presidente che è il Presidente dell'Associazione e che dura in carica per tutta la durata del Consiglio stesso.


Esso si riunisce ogni volta che si renda necessario su iniziativa del Presidente. Le decisioni sono prese a maggioranza dei presenti. In caso di parità prevale il voto del Presidente.


Il Consiglio opera anche quale revisore dei conti per la tenuta dei quali può nominare al suo interno un tesoriere con questa specifica funzione.


Art. 11
Il Presidente

Il Presidente dura in carica cinque anni e rappresenta legalmente l'Associazione nei rapporti con i soci, con i terzi, con le autorità in tutti gli atti, ed ha la firma sociale. Il Presidente può aprire e chiudere conti correnti postali o bancari.


Egli convoca il Consiglio, designa le materie da trattare in Consiglio e nell'assemblea, stipula contratti, firma la corrispondenza.


In caso di urgenza o necessità può delegare i suoi compiti ad un Vice Presidente da lui nominato.


Art. 12
Il Patrimonio

Le entrate dell'associazione sono costituite dalle quote di iscrizione, dalle oblazioni, dai lasciti o da contributi volontari provenienti anche da terzi non associati.


I contributi degli aderenti sono costituiti dalle quote di associazione annuale e da eventuali contributi straordinari.


Le oblazioni, i lasciti ed i contributi volontari di terzi sono accettati ed utilizzati per il raggiungimento dello scopo dell'ente.


E' vietata altresì ogni distribuzione, anche indiretta, agli associati di eventuali avanzi di gestione, fondi, riserve o di quanto altro possa costituire il patrimonio dell'associazione.


In caso di scioglimento dell'associazione il patrimonio verrà devoluto ad un ente di ricerca in campo tecnologico su indicazione dei liquidatori che verranno nominati dall'Assemblea. In mancanza di accordo il patrimonio sarà devoluto al CNR.


Art. 13
Attività commerciale

Fanno parte del patrimonio dell'Associazione anche i proventi derivanti da attività commerciali o produttive marginali le quali, se effettuate, vengono inserite in apposita voce del bilancio. Dette attività, se effettuate, saranno espressamente separate dalle entrate di cui all'art. 12 e si procederà ad emettere e ricevere per esse ricevute, fatture ed altri documenti fiscali sui quali sarà riportata una numerazione specifica e distinta, in modo che non si crei confusione alcuna tra i proventi derivanti dalla normale gestione dell'ente ed i proventi derivanti dall'esercizio di attività commerciale marginale.


Anche i proventi eventualmente derivanti dallo svolgimento di un'attività commerciale marginale saranno utilizzati per il raggiungimento dei fini istituzionali ed in armonia con le finalità statutarie dell'Associazione.


Art. 14
Norme di rinvio

Per quanto non previsto nel presente statuto si applicano le norme del Codice Civile che regolano le associazioni non riconosciute.

Ponsacco (PI) 10/01/1999

spacer
[ ita ] [ eng ] [ fra ]